Il Micro-Learning è una strategia di apprendimento emergente, che sta rapidamente diffondendosi grazie alla sua efficacia e semplicità di adozione. La chiave di volta risiede nel poterla adattare a contesti differenti, in quanto:

  • le informazioni cambiano rapidamente
  • i potenziali utenti faticano a tenere il passo con le novità
  • tutte le risorse sono liberamente disponibili online
  • è supportata dalle tecnologie di nuova generazione

Che cos’è il Micro-Learning?

Alcuni nel settore concettualizzano il Micro-Learning come un’esperienza di apprendimento autoreferenziata, breve e informale, derivante da un ambiente di apprendimento personale, come ad esempio guardare un Ted Talk o prendere una lezione da Khan Academy.

In altre definizioni, il Micro-Learning è visto come organizzazione pianificata di brevi esperienze di apprendimento, progettate per soddisfare un obiettivo più esteso. In altre ancora il Micro-Learning è sinonimo di supporto alle prestazioni apprendimento mobile.

Dove sta dunque la verità? La comprensione del Micro-Learning passa inevitabilmente da una sua analisi maggiormente approfondita.

Le caratteristiche del Micro-Learning

Indipendentemente dal fatto che sia utilizzato in modo indipendente o come parte di un’esperienza di apprendimento strutturata, il Micro-Learning ha alcune caratteristiche peculiari:

  • i singoli eventi sono brevi, pur non esistendo una durata definita;
  • si concentra su un argomento, un’idea, un concetto;
  • il contenuto può essere sotto forma di presentazione, attività, gioco, discussione, video, quiz, in generale in qualsiasi formato compatibile con l’apprendimento.

Brevità, granularità e varietà, sono le tre caratteristiche cardine, perfettamente coerenti con quella che è la nostra definizione di Micro-Learning, inteso come un’insieme di pillole autoconsistenti, focalizzate su uno specifico argomento e finalizzate a migliorare la comprensione dei macro scenari.

I benefici del Micro-Learning

  • Risultati immediati. L’utente raggiunge rapidamente una piccola conoscenza colmando lo specifico divario di abilità. Ad esempio, alcune università utilizzano una strategia di Micro-Learning per aiutare gli studenti a conoscere le tecnologie collaborative e sociali.
  • Formati differenti. Per l’apprendimento non strutturato e strutturato, il Micro-Learning ha il potenziale di utilizzare un approccio miscelato all’istruzione, con tutte le risorse liberamente disponibili online.
  • Budget Friendly. I costi di produzione sono molto inferiori rispetto alla produzione di grandi corsi, grazie alla visione focalizzata.

Il Micro-Learning è fortemente influenzato dal web e dall’evoluzione registrata dai contenuti digitali negli ultimi due anni. La crescita vertiginosa del micro-blogging e delle forme di navigazione per tag e keyword sono infatti il risultato di un processo di sintesi nelle forme di comunicazione one-to-one e one-to-many che ben si adatta ai modelli concettuali e cognitivi legati all’apprendimento. Il futuro si chiama Micro-Learning.

Scopri le soluzioni Osel per il Microlearning!